PensieroNeoconservatore | Pensiero neoconservatore | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  PensieroNeoconservatore "Senza libertà nessuno ha un nome" Milton Acorda
 
Diario
 


 

Il mio credo:

Noi riteniamo che queste verità siano evidenti: che tutti gli uomini sono creati uguali, che il loro Creatore li ha dotati di alcuni inalienabili Diritti;  che tra questi diritti vi sono la Vita, la Libertà e il perseguimento dellla Felicità. Che per garantire questi diritti, sono stati istituiti, tra gli uomini, dei governi che derivano i loro Poteri dal consenso dei governati." (Dichiarazione d'Indipendenza degli Stati Uniti d'America, 4 Luglio 1776)

 

La mia patria

 

Il mio ideale

 

I principi:

difesa della Libertà contro ogni forma di totalitarismo( islamismo, comunismo, nazismo)

tutela del diritto al  godimento della proprietà privata

universalità dei diritti umani

riconoscimento delle radici guiudaico cristiane dell'Europa

atlantismo

individualismo

meritocrazia

rifiuto dell'eugenetica, della clonazione, dell'aborto indiscriminato 
 
abolizione degli ordini professionali

federalismo politico e fiscale

 

 
 
 
 
 
“La libertà non è mai à più di una generazione dall’estinzione. Non l’abbiamo trasmessa ai nostri figli con il gruppo sanguineo. Noi dobbiamo lottare per essa, proteggerla, e insegnare ai nostri figli a fare lo stesso, o un giorno noi trascorreremo la nostra vecchiaia a raccontare ai nostri figli, e ai loro figli com’erano gli Stati Uniti quando gli uomini erano liberi.”
Ronald Reagan

 
 

God who gave us life gave us liberty. Can the liberties of a nation be secure when we have removed a convinction that these liberties are the gift of God?
Thomas Jefferson

 
 
 
 
 
 
 

"L'appeaser è colui che nutre il coccodrillo con la speranza di essere mangiato per ultimo."
Sir Winston Churchill

 
 



 
"Perchè il male trionfi è sufficiente che gli uomini di buona volontà non facciano nulla"
Edmund Burke

"L'appeaser è colui che nutre il coccodrillo con la speranza di essere mangiato per ultimo."
Sir Winston Churchill

Help us to help Sderot



Certamente non tutti i musulmani sono terroristi ma, si deve dolorosamente ammettere che quasi tutti i terroristi nel mondo sono musulmani. Abd AlNaham al Rashed

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 





"Le potenze mondiali hanno creato un microbo nero e sporco chiamato regime sionista e lo hanno scatenato come un animale selvaggio contro le nazioni della regione" 

L'ex addestratore di bimbi kamikaze, ora presidente, Ahmadinejhad


 

"L'appeaser è colui che nutre il coccodrillo con la speranza di essere mangiato per ultimo."
Sir Winston Churchill

 



Stop the genocide







"La libertà non è un diritto, è un dovere"

Oriana Fallaci, Un Uomo





"Non voglio morire, amo la vita e voglio vivere. La mia unica colpa è aver utilizzato la libertà d'espressione" Ayaan Hirsi Ali






"Usate la vostra libertà per promuovere la nostra"
Aung San Suu Kyi



 




"La libertà non è un mezzo per raggiungere un più elevato fine politico. Essa è di per se il più alto scopo della politica". Lord Acton













 


Le "mie" citazioni:


"Il cuore ha le sue ragioni che la mente non può comprendere". W. Shakespeare

"Quando si è saggi vuol dire che non si ama, perchè esssere saggi e amare supera l' umana possibilità, è cosa per gli dei lassù
". W. Shakespeare

"Presta l'orecchio a tutti, la tua voce a qualcuno, senti le idee di tutti ma pensa a modo tuo".
W.Shakespeare

"Un amico è una persona di fronte alla quale si può pensare ad alta voce"
R..W. Emerson

"Senza libertà nessuno ha un nome"
Milton Acorda

"Io prevedo un futuro felice per gli americani se sapranno impedire al governo di rovinare le opere delle persone con il pretesto di prendersi cura di loro." T. Jefferson

"Un governo saggio e parsimonioso, che lascia liberi gli uomini di gestire i propri affari, di migliorarsi, di perseguire i propri scopi, e che non gli porta via il pane che si sono guadagnati: questa è l'essenza del buon governo."
T. Jefferson

"Il capitalismo è un ineguale distribuzione della ricchezza, il comunismo un' eguale distribuzione della povertà."
Anonimo

"Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canocenza"
D. Alighieri


Le news:








Che cos'è il neoconservatorismo







I miei libri




16 aprile 2009

Fine di un'esperienza e un nuovo inizio.

Con la primavera, ho sentito il bisogno di rinnovare profondamente il blog.Ormai da qualche mese, non seguivo più il blog in modo adeguato, ora ho deciso di ripartire convintamente e concretamente.
Lo faccio con un restyling completo, chiudendo questo blog e aprendone un'altro:


pensieroneoconservatore.blogspot.com

e collaborando con Pensiero Liberale per la Magna Carta di Livorno sul blog :

                                         http://societapertalivorno.blogspot.com/

Grazie a tutti coloro che hanno frequentato il blog, spero mi seguirete sugli altri 2




permalink | inviato da freegame il 16/4/2009 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


6 aprile 2009

Se Superman Obama segue la politica estera di mortadella Prodi


Dopo alcuni mesi di attività ridotta e saltuaria, il blog riparte convintamente e con lo stesso obbiettivo iniziale: diffondere le idee e la visione del mondo tipica dei neoconservatori, ovviamente sulla base di una mia personale interpretazione.Alcune cose però sono cambiate in questo periodo; in particolare la setta giudaico neoconservatrice responsabile della politica assassina di George W Bush non è più al potere in America.

Ora al potere c'è il Messia nero Barack Obama contornato dalla vecchia guardia clintoniana.Gli effetti positivi si sono subito visti e il mondo è subito divenuto un posto migliore.

Innanzitutto, l'asse del male non esiste più.La Siria, l'Iran, la Corea del Nord prima paesi canaglia e sostenitori del terrorismo ora sono paesi da coinvolgere nel processo di gestione degli interessi regionali allo scopo di stabile cordiali relazioni con essi.

Ovviamente la stampa ha presentato questa svolta in politica estera come una benedizione portatrice di pace e benessere.Purtroppo, come spesso succede i fatti smentiscono la realtà presentata dai politically correct e dai realisti di entrambe le sponde dell'oceano.

Il governo siriano e i giornali di quel paese hanno commentato l’offerta di appeasement obamiana come la dimostrazione che la politica di “resistenza” siriana e dei fratelli di Hamas e di Hezbollah all’imperialismo sionista e americano si è dimostrata una strategia vincente.

L’Iran ha risposto alle aperture di Obama aumentando il supporto ai talebani in Afghanistan e continuando l’arricchimento dell’uranio per la creazione della bomba atomica, e infine ha chiesto di togliere il supporto a Israele

Ieri, per completare il quadro, la Corea del Nord ha lanciato seppur con scarso successo un missile.

Allo stesso modo, mentre si parla di riconoscere un ruolo ai talebani e della necessità di sedersi a un tavolo con loro, questi aumentano le loro azioni suicide  e espandono ulteriormente la loro influenza il loro controllo sulle zone tribali del Pakistan.

Ai tempi della sue elezione scrissi che temevo fosse un nuovo Jimmy Carter, devo dire che dopo tre mesi questa sensazione è ancora più forte.Il problema sarà trovare un nuovo Reagan dopo di lui.

Voglio concludere con un riferimento all'Italia

Spesso si cita l’esterofilia dei nostri politici, la loro tendenza a proporre soluzioni e modelli esteri all’Italia.Bene, in questo caso penso che sia avvenuto esattamente il contrario con Obama che mette in atto la politica estera del governo Prodi. L’unica differenza è la famosa passeggiata a Beirut di D’Alema con un leader di Hezbollah.

Forse perché, per Hezbollah, non è conveniente che una donna come la Clinton vada a passeggio con un uomo.


Neoconservatore


6 aprile 2009

Da Roma un grido di dolore: uniamoci e vinceremo


Sabato a Roma la CGIL ha organizzato una manifestazione imponente con oltre 2 milioni e mezzo di persone. Ho seguito, per circa tre ore, alla radio lo svolgersi della manifestazione attraverso le interviste alle persone comuni ed ho avuto la netta sensazione che a sinistra ci sia ancora un forte identitario senso di appartenenza.

Le persone intervistate hanno contribuito a rafforzare la mia convinzione che alla sinistra non manca il popolo, la base di consenso ma il leader. Bertinotti l'anno scorso a Perugia disse che fondamentalmente gran parte degli elettori Pd di area ds potrebbero, senza troppi patemi, votare PRC; ebbene ieri e in tutte le manifestazioni precedenti si è visto che ciò è vero.

I dirigenti dei partiti di sinistra abituati al centralismo sovietico e al partito monolitico sembrano, dalla caduta del muro, essere colti dal desiderio irrefrenabile di essere ciascuno il lider maximo di un qualsiasi micro partito piuttosto che accettare di essere solo il membro del gruppo dirigente di un grande unico partito.

Così dall'89 si sono succedute continue scissioni e frazionamenti il cui risultato finale è stata la scomparsa dei partiti con simbolo comunista dal Parlamento, e la fusione fredda del PD tra postcomunisti ancora comunisti con i cattolici adulti.

Personalmente, all'inizio, ho creduto nel progetto veltroniano di creare una sinistra moderata e moderna ma, poi è stato evidente che questa scelta, pur essendo per il bene del paese, auspicabile era politicamente e praticamente impraticabile.

Ora il Pd sembra ritornato a una politica più realista con l'assegnazione della leadership a un Prodi di 30 anni più giovane, in attesa molto probabilmente dell'"elezione" a ottobre del più pragmatico tra i comunisti: Massimo D'Alema.

Il gruppo dirigenziale di sinistra non tonerà al governo fino a quando non capirà che l'unica soluzione consiste nel riunirsi in un grande cartello elettorale guidato da un cattocomunista.

Nel contempo non governerà fino a quando non rinunceranno alla bramosia di potere, al sogno di essere tutti dei piccoli lider maximo e accetteranno la presenza di un'unico leader.

Questo è ciò che ha "detto" la storia di questi ultimi quindici anni, questo è ciò che la maggior parte della gente comune di sinistra vuole e chiede.

Da elettore del Pdl posso dirmi contento del fatto che la classe dirigente di sinistra sembra essere sorda a questi appelli, da italiano non posso che essere triste per il fatto che quasi metà del paese al di là di simboli e delle scissioni sia ancora comunista.

In un post precedente mi sono chiesto il perchè nessuno del gruppo dirigenziale ex ds del Pd abbia mai chiesto scusa per i crimini atroci disumani commessi dal comunismo mondiale, crimini appoggiati sostenuti difesi dal PCI.La risposta era sotto i miei occhi e preferivo non vederla:il gruppo dirigente era ed è, al di la della scelta dei simboli, comunista, la base era ed è in larghissima parte comunista.


Neoconservatore


6 aprile 2009

La Nato e la speranza dell'Europa orientale


Ieri il Presidente Obama ha parlato a Praga di fronte a una folla entusiasta. Vedere un presidente americano che parla a Praga in rappresentanza sia degli Usa  sia della Nato è veramente un messaggio, un simbolo di speranza.

La Rep Ceca era, prima della II° Guerra Mondiale, uno dei paesi economicamente e culturalmente più sviluppati e della Mitteleuropea, poi è stata vittima sia del totalitarismo nazista sia di quello comunista.

Come ha detto Obama, trenta quaranta anni fa era irrealistico sperare che la libertà potesse giungere nell’Europa Orientale e un Presidente americano potesse parlare al di là della cortina di ferro.Ora questo è realtà grazie, fondamentalmente all’esistenza della Nato, alla presenza di un grandissimo presidente, Ronald Reagan, e all’impegno della chiesa cattolica.

Nella lotta contro il comunismo l’America ha commesso molti errori ed alcuni orrori.

Voglio ricordare, in particolare, l’attuazione di una politica realista e non ispirata alla libertà in Sud America con l’appoggio alle giunte militari e successivamente l’abbandono dell’Afghanistan a se stesso dopo la vittoria sui russi.

La Chiesa allo stesso modo sembra aver  agito come “signora di questo mondo” e non come ancella di Cristo, con i casi Calvi e Banco Ambrosiano.Però, come si può e si deve criticare gli alleati per alcuni atti che fecero durante la II Guerra Mondiale ma non si può mettere in dubbio che loro fossero dalla parte giusta e che il mondo è migliore grazie alla loro vittoria, altrettanto si deve fare con gli Stati Uniti nella lotta contro il comunismo

Coloro che sotto il comunismo se trovati in possesso di  una mappa della loro nazione venivano processati come spie, coloro che se criticavano il partito venivano rinchiusi nei manicomi o in campi di concentramento, ieri erano liberi.

E’ veramente un bel messaggio di speranza, ora si deve sperare che Obama non lo tradisca attuando una politica di appeasement con le varie dittature nel mondo.


Neoconservatore


20 febbraio 2009

La cronaca di una morte annunciata, per ipocrisia

Walter Veltroni si è dimesso da segretario del PD, dopo una breve quanto infruttuosa stagione di tentato rinnovamento.Purtroppo per il paese la fine del suo progetto era una cosa annunciata.I motivi sono da ricercare nella sua mancanza di coraggio e nel suo comportamento ipocrita o, quantomeno, incoerente.
Innanzitutto Veltroni, ha parlato per mesi di primarie ma alla fine ha fatto delle primarie fasulle.Diceva di voler copiare il modello americano, invece ha rispettato la tradizione comunista copiando il modello sovietico.Le primarie sono infatti state una farsa, dove gli altri concorrenti partecipavano solo nel ruolo degli utili idioti.La conseguenza è stata che quella che doveva essere un'investitura popolare è rimasta semplicemente una scelta dei capi fazioni che poi hanno iniziato dal giorno dopo la sua "elezione" a remare contro.
L'altra grande causa del fallimento veltroniano è da ricercarsi nell'atteggiamento da lui tenuto nei confronti della storia del suo partito.Veltroni ha dichiarato di voler creare un partito nuovo riformista, europeo, d'ispirarsi ai democratici.Ebbene poteva e doveva farlo ma, per essere credibile avrebbe dovuto denunciare i crimini commessi dal comunismo.
Avrebbe dovuto avere il coraggio di dichiarare che il comunismo è equiparabile al nazismo e che i membri del parito comunista italiano hanno sulla coscienza oltre cento milioni di morti.
Certamente il partito comunista non ha ucciso milioni di persone, ma è inutile ricordare che esso era al soldo di Mosca che faceva gli interessi di Mosca, che difendeva il totalitarismo comunista ovunque fosse e ovunque realizzasse i peggiori crimini che la mente umana può concepire.
Se il comunismo con tutto il suo orrore di violenza morte e disperazione ha potuto sopravvivere fino al 1989 lo si deve anche alla propaganda promossa dal PCI.
Veltroni ha rotto l'alleanza con coloro che sono orgogliosi di avere torturato e ucciso così tante persone, e che se potessero lo rfarebbero anche in Italia(PDCI,PRC e tutti gli altri gruppetti  politici comunisti assetati di potere e quindi frammentati)
.Però non ha mai fatto una pubblica dichiarazione in cui ammetteva,la natura totalitaria criminale del comunismo.Non ha mai ammesso i crimini che il PCI ha protetto e sostenuto.La conseguenza è stata che ben pochi mderati hanno creduto realmente che volesse fare un vero nuovo partito.La maggior parte ha ovviemente e giustamente creduto che ha semplicemente cambiato nome per l'ennesima volta al PCI.
Nel contempo la base del pd, per molta parte la stessa di rifondazione, si è sentita tradita e ha visto nella politica di Veltroni un tradimento.

Neoconservatore


31 gennaio 2009

La chiesa cattolica e l'Olocausto: belle e significative parole.Ora la coerenza.

Riporto queste bella significativa, dichiarazione di Don Lombardi, portavoce della S.Sede, perchè dovrebbe sebbene dette da un cattolico, penso che abbiano valore universale per tutti i cristiani e non solo i cattolici. 

''Chi nega il fatto della Shoah non sa nulla ne' del mistero di Dio, ne' della Croce di Cristo. Tanto piu' e' grave, quindi, se la negazione viene dalla bocca di un sacerdote o di un vescovo, cioe' di un ministro cristiano, sia unito o no con la Chiesa cattolica''.
Lombardi ha ricordato le parole del Papa pronunciate ad Auschwitz: ''La Shoah induca l'umanita' a riflettere sulla imprevedibile potenza del male quando conquista il cuore dell'uomo''. Benedetto XVI, ha affermato ancora il direttore della Sala stampa vaticana, ''non ha solo condannato ogni forma di oblio e di negazione della tragedia dello sterminio di sei milioni di ebrei, ma ha richiamato i drammatici interrogativi che questi eventi pongono alla coscienza di ogni uomo e di ogni credente''
In particolare vorrei evidenziare l'importanza della frase: "Chi nega il fatto della Shoah, non sa nulla ne' del mistero di Dio, ne' della croce di Cristo.Tanto più è grave quindi, se la negazione viene dalla bocca di un sacersote o di un vescovo.
Ora, si deve considerare che  non si può essere sacerdoti o vescovi se non si è a conoscenza del mistero di Dio e del significato della morte in croce di Cristo,
Inoltre come ha detto  Benedetto XVI  è da condannare qualsiasi forma di oblio di un evento che fu  il risultato dell'abbandono dell'uomo al Male e quindi del rifiuto di Dio.
Da ciò deriva una sola possibile conclusione: la chiesa cattolica non può accettare al suo interno  sacerdoti vescovi, direi fedeli che negano o cerchino di far dimenticare o sminuire l'olocausto.
DI conseguenza, la chiesa cattolica, se vuole mantenere una certa coerenza, e non vuol tradire  nei fatti questo messaggio, che pur essendo di origine cattolica, è una verità per tutti i cristiani indistintamente, deve abortire il processo di recupero dei lefrevbiani.
O meglio li può reinglobare, perchè è un affare interno alla chiesa ma non deve riconoscere a tutti coloro che sono negazionisti lo status di vescovi  o preti, sebene questa decisione potrebbe far  fallire le trattative e far gridare al complotto giudaico  molti cattolici di destra ed estrema destra non necessariamente lefrevbiani.
Ma la chiesa cattolica, non dovrebbe agire e non penso lo farà subordinando la verità di fede alla real politick.
Ultima cosa, fossi stato in sala stampa avrei chiesto a don Lombardi come erano da interpretare le parole del cardinale Martino su Gaza.Paragonare Gaza ad un lager falsificando la storia e ridicolizzando la tragedia di milioni di persone, dal mi punto di vista è un'ottimo modo per sminuire la tragedia dell'olocausto e aprire le porte al revisionismo negazionista.
Ultima postilla divertenti e vegognosi i titoli e gli articoli dei giornali di sinistra sulla questione.Loro criticano la chiesa ma sono i sostenitori di Hamas, anzi vanno perfino in piazza per Hamas.Sul fatto che Hamas neghi l'olocausto non penso ci siano molti dubbi, per chi li avesse, può leggersi il post precedente.


Neoconservatore



27 gennaio 2009

La sinistra: ieri e domani con chi nega l'Olocausto, oggi a commemorarlo

Questi brani sono tratti dallo statuto di Hamas:


Benché gli anelli siano distanti l’uno dall’altro, e molti ostacoli siano stati posti di fronte ai combattenti da coloro che si muovono agli ordini del sionismo così da rendere talora impossibile il perseguimento del jihad, il Movimento di Resistenza Islamico ha sempre cercato di corrispondere alle promesse di Allah, senza chiedersi quanto tempo ci sarebbe voluto. Il Profeta – le preghiere e la pace di Allah siano con Lui – dichiarò:


“L’Ultimo Giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra o l’albero diranno: O musulmano, o servo di Allah, c’è un ebreo nascosto dietro di me – vieni e uccidilo; ma l’albero di Gharqad non lo dirà, perché è l’albero degli ebrei” (citato da al-Bukhari e da Muslim).

 

È questo spirito islamico che dovrebbe prevalere in ogni società musulmana. Una società che ha di fronte un nemico malvagio e nazista nella sua condotta, che non fa differenza tra uomini e donne, giovani e vecchi, deve essere la prima ad adornarsi di questo spirito islamico.

 

A proposito delle guerre locali e mondiali, ormai tutti sanno che i nostri nemici hanno organizzato la Prima guerra mondiale per distruggere il Califfato islamico. Il nemico ne ha approfittato finanziariamente e ha preso il controllo di molte fonti di ricchezza; ha ottenuto la Dichiarazione Balfour [del 2 novembre 1917, che sostiene “il diritto degli ebrei a costituire un focolare nazionale in Palestina” e prende il nome dall’allora ministro degli esteri britannico e già primo ministro Lord Arthur James Balfour, 1858-1930], e ha fondato la Società delle Nazioni come strumento per dominare il mondo.

Gli stessi nemici hanno organizzato la Seconda guerra mondiale, nella quale sono diventati favolosamente ricchi grazie al commercio delle armi e del materiale bellico, e si sono preparati a fondare il loro Stato. Hanno ordinato che fosse formata l’Organizzazione delle Nazioni Unite, con il Consiglio di Sicurezza all’interno di tale Organizzazione, per mezzo della quale dominano il mondo. Nessuna guerra è mai scoppiata senza che si trovassero le loro impronte digitali.

“Ogni volta che accendono un fuoco di guerra, Allah lo spegne. Gareggiano nel seminare il disordine sulla Terra, ma Allah non ama i corruttori” (Corano 5, 64).

I poteri imperialisti sia nell’Ovest capitalista sia nell’Est comunista sostengono il nemico con tutta la loro forza, in termini materiali e umani, alternandosi in questo ruolo. Quando l’islam si risveglia, le forze della miscredenza si uniscono per combatterlo, perché la nazione dei miscredenti è una.

Israele, in quanto Stato ebraico, e i suoi ebrei sfidano l’islam e tutti i musulmani. “Così gli occhi dei codardi non dormono”.All’interno del circolo del conflitto con il sionismo, il Movimento di Resistenza Islamico si considera la punta di lancia o l’avanguardia. Si unisce a tutti coloro che sono attivi nell’arena palestinese. Quello che rimane da fare è un’azione continua da parte dei popoli arabi e islamici, e delle organizzazioni islamiche nel mondo arabo e musulmano, perché sono queste a essere meglio preparate per la prossima fase della lotta contro gli ebrei, i mercanti di guerre.

L'ho riprodotto e in particolare ho sottolineato le parti che accomunano il movimento di Hamas a fascisti, comunisti, clerico fascisti e cattocomunisti.

In particolare è interessante rilevare come gli ebrei siano visti come i grandi complottatori, mercanti di guerre che dominano il mondo.E' la visione della destra fascista e dei cosiddetti cattolici tradizionalisti alla Lefevbre. Ma, anche i comuisti hanno le loro assonanze con gli islamici, ovviamente.Tra totalitarismi un punto d'accordo lo si trova sempre.Così gli ebrei sono come i nazisti e i sionisti hanno occupato le terre della Palestina, senza diritto e l'eliminazione dello stato sionista risolverebbe tutta la questione.

Ma oggi è il Giorno della Memoria per le vittime dell'Olocausto, e qua è evidente la differenza tra i totalitarismi.I nazifascisti, o ne negano l'esistenza, o la giustificano e quindi sono coerenti.I comunisti sono ipocriti in modo rivoltante.Oggi, saranno in prima fila a commemorare l'olocausto, criticheranno coloro che negano l'Olocausto, si strapperanno le vesti nei treni organizzati per Auschwitz.Ieri e domani continueranno a sostenere, se non finanziare, la distruzione dello stato d'Israele, e continueranno  manifestare per un movimento che ha scritto nel suo statuto:

Gli stessi nemici(gli ebrei) hanno organizzato la Seconda guerra mondiale, nella quale sono diventati favolosamente ricchi grazie al commercio delle armi e del materiale bellico, e si sono preparati a fondare il loro Stato.

Non solo la negazione delle camere a gas ma addirittura si attrbuisce agli ebrei l'Organizzazione della II WW.Se non è negazionismo questo.
Veramente un'ipocrisia rivoltante, altre parole sono inutili.

N







permalink | inviato da freegame il 27/1/2009 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa


12 gennaio 2009

I ringraziamenti relativi alla guerra Israele Hamas

Da diciotto giorni è in corso il conflitto tra Israele e Hamas, ed in questo periodo ho appreso alcune cose ed ho avuto conferma di altre.Ho deciso di scrivere questo post per ringraziare coloro che me le hanno insegnate.

Grazie al PRC, al PDCI e a tutta la galassia dei giornali e partitini della sinistra comunista.
Grazie perchè ho capito che da ora in avanti potrò, andare a maniestare nelle piazze con i cartelli e gli striscioni in cui inneggio e invoco la distruzione,l'annientamento, la cancellazione (non il cambio di governo)della Cina, della Mongolia, di tutti i paesi arabi, dell'odiata, sportivamente parlando, Francia e poi andare in tv o rilasciare dichiarazioni sui giornali in cui sostengo che non ho nulla contro cinesi mongoli, arabi, francesi.Al contrario sarò ben felice di accoglierli in Italia o di aiutarli a vivere ovunque nel mondo, voglio solo lasciarli senza una patria, distruggere il loro paese, lungi da me avere odio nei loro confronti.

Grazie a Massimo D'Alema.
Grazie perchè ora, dopo decenni di ipocrisia e di falsi storici insegnati a scuola, bisogna ammettere che i tedeschi durante la II Guerra Mondiale furono oggetto di una triplice reazione spropositata, in particolare da parte degli americani.Nessuna città americana fu mai bombardata e mai un tedesco mise piede con fare aggressivo negli Usa, in cambio gli americani li hanno bombardati e occupati.
Ma gli stessi inglesi, la Gb non fu mai occupata e Coventry non era grande come Desdra.
Il padrino di D'Alema poi, che esagerato, per due anni di occupazione di nemmeno un terzo del suo territorio, saccheggio' metà Germania e diede inizio all'occupazione comunista durata 40 anni.Alla faccia della proporzione.
Ma devo rivalutare anche gli ebrei e il regime sionista che si formò nel 1948. I tedeschi  avevano ucciso sei milioni di ebrei e questi non procedettero a porre in atto ne chiedettero di ottenere un'azione proporzionata:sei milioni di tedeschi nei forni crematori o a morire di fame, di torture etc.
Stesso plauso va ai filippini ai coreani ai cinesi che non chiedettero in modo proporzionale di poter uccidere qualche milione di giapponesi e di poter stuprare qualche milioni di donne giapponesi.
Ma d'altra parte, come ci ha insegnato Marx ,l'economia determina tutto, quindi questi popoli soprattutto gli ebrei hanno preferito il vile denaro a una giusta risposta proporzionata.
D'altra parte nella storia tutte le guerre sono state combattute con attachhi e risposte proporzionate.Basta leggere i libri di storia per sapere come gli eserciti romani, musulmani, poi quello spagnolo, quello francese, quello inglese,quello ottomano etc etc quando ebbero una superiorità militare vi rinunciarono, in mod da procastinare la guerra all'infinito.

Grazie al Cardinal Martino e a tutti quei cattolici che hanno preso le difese di Hamas

Mi fa piacere sapere che sono azioni condivisibili e rispettose della dottrina cattolica non riconoscere il diritto all'esistenza di milioni di persone, vestire i bambini di tre anni da kamikaze ed insegnargli che il paradiso si raggiunge facendosi saltare in aria, utilizzare i bambini come scudi umani.
Grazie cardinal Martino perchè ora mi è chiaro, che tutti i cattolici, possono mentire e falsificare gli avvenimenti (Gaza un campo di concentramento) infangando e ridicollizando la morte e la sofferenza di decine di milioni di persone uccise nei campi di concentramento senza doversi andare a confessare.Peccato che non sono cattolico, così non potro' usufruirne.
Capisco che lei e i cattolici in generale hanno l'autorità papale ma una letturina al Vecchio Testamento e ad alcune parti del Nuovo, forse aiuterebbero a ridurre tra le vostre fila il numero degli antisemiti e di coloro che capendo la Bibbia come una giraffa il giapponese parlano ancora di deicidio

Grazie a forza Nuova e alle varie destre fasciste.
Grazie perchè promuovono le stesse iniziative che guidano i comunisti.Boicottaggio prodotti di cittadini italiani  ebrei, distruzione d'Israele, richiesta d'intitolare piazze ai martiri di Hamas.
Grazie perchè è l'ennesima conferma che stupidamente si combattono quando sono la stessa cosa con i comunisti.

Neoconservatore


 




permalink | inviato da freegame il 12/1/2009 alle 18:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa


3 gennaio 2009

Mediazione impossibile

Qualcuno che dice la verita` e sul Corriere.Complimenti

di Ernesto Galli Della Loggia

Mediazione, mediazione: come sempre in ogni crisi israelo- palestinese anche questa volta, da parte delle opinioni pubbliche europee, dei loro giornali e delle loro cancellerie, è tutto un invocare la necessità di una mediazione. Politici e osservatori accreditati si affannano a sottolineare che bisogna trovare a tutti i costi una mediazione, individuare un punto d’incontro. Esigenza sacrosanta. Se non fosse per un piccolo particolare: perché ci sia una mediazione deve esserci qualcuno con cui mediare, vale a dire qualcuno non solo convinto dell’opportunità di un accordo basato sul do ut des, ma che dia garanzie di voler lui stesso per primo rispettare un tale accordo, nonché di poter farlo rispettare a chicchessia. La crisi mediorientale non ha mai trovato una soluzione perché finora da parte araba una figura, un’autorità, una cultura del genere, sono sempre mancate.

Israele si trova dunque periodicamente confrontato militarmente da forze radicali—un tempo era Fatah, ora è Hamas dietro cui si scorge il potente alleato iraniano—le quali si prefiggono né più né meno che la sua eliminazione (Hamas auspica anche l’eliminazione di tutti gli ebrei dalla faccia della terra), senza che però si trovi mai nel mondo islamico qualche leader o qualche governo importanti, qualche voce autorevole, in grado di condannare recisamente e pubblicamente, prima ancora che la ferocia, il nullismo politico suicida del radicalismo. Dai colloqui riservati di queste ore, ad esempio, trapela che la maggioranza dei paesi arabi giudica assolutamente sbagliata la linea terroristica di Hamas, ne condanna la politica di divisione del fronte palestinese, l’intolleranza fondamentalista. Ma nessuno di essi ha il coraggio di gridarlo con forza e di schierarsi apertamente contro. Il perché si sa: perché quei governi hanno paura di essere travolti, complice il terrorismo, dalle rispettive popolazioni, conquistate da tempo a un antiisraelismo cieco e violento, nutrito spessissimo di antisemitismo.

Ogni mediazione è impossibile sulla questione israelo-palestinese perché la rende impossibile la cultura politica diffusa tra le grandi masse del mondo arabo, abituate ad apprezzare solo il radicalismo bellicista. Per convincersene basta leggere l’articolo scritto ieri sul Riformista da un noto intellettuale arabo, Tariq Ramadan, incautamente accreditato da molti democratici europei di una presunta ragionevolezza che lo candiderebbe, si dice, a prezioso interlocutore in vista della nascita di un Islam europeo. Ebbene, un articolo, quello di Ramadan, tutto improntato a una grottesca unilateralità: su Hamas neppure una parola, tutti i governi israeliani, di qualunque colore, «mentono, giustiziano sommariamente gli oppositori, non danno pressoché nessun peso alle morti di civili», mentre i palestinesi di Gaza sono vittime di «genocidi» (sic) «approvati dall’80 per cento degli israeliani». E così via, in un delirio «antisionista » che lo stesso direttore del giornale, il bravo Antonio Polito, ha duramente stigmatizzato come frutto di puro «odio verso Israele». E’ la definizione giusta. Ma se questo è quello che scrive un intellettuale islamico in piena dimestichezza con la cultura occidentale, figuriamoci cosa pensano e dicono gli altri: e figuriamoci quale mediazione possa mai venir fuori in un contesto del genere.


27 dicembre 2008

Israele: una reazione dovuta e necessaria

Oggi Israele ha attaccato la Striscia di Gaza. Non penso che la scelta si rivelera`decisiva per porre fine al continuo bombardamento a cui e` sottoposto il sud d`Israele e per porre fine al terrore quotidiano che Hamas impone ai cittadini d`Israele.D`altra parte non c`era alternativa, Hmas e gli altri gruppi terroristici bombardavano violando la tregua Israele ininterottamente, e continuare a non reagire avrebbe significato mostrarsi deboli e quindi incoraggiare Hamas.
Il terrorismo non e` certo incoraggiato dalle controffensive militari ma dalla dimostrazione che si cerca l`appeasement
Israele colpendo solo ed esclusivamente basi logistiche a Gaza senza attacchi indiscriminati e senza colpire la Cisgiordania, dimostra per l`ennesima volta che opera solo per motivi difensivi, senza voler colpire indiscriminatamente i palestinesi, distinguendosi dai naziislamisti di Hamas di Hezbollah del Jihad.
Nazisti non e` una forzatura storica, e` sufficiente vedere i saluti che vengono fatti alle riunioni di Hezbollah.
Ora se l`offensiva prosegue c`e` da aspettarsi la solita montatura dei terroristi islamici.
Due estati fa` Hezbollah utilizzava le scuole e le autombulanze per sparare i missili mentre al loro interno si trovavano malati e bambini in modo che la reazione israeliana li uccidesse.
La stessa cosa e` stata spesso fatta ai tempi del terrorista macellaio Arafat e poi da Hamas, con la complicita`di numerosi inviati di tv e giornali.
Ora, con la solita ipocrisia, l`UE si e` subito apprestata a chiedere il cessate il fuoco, mentre non si e` mai mossa per invitare l`indipendente governo di Hamas a usare i soldi per aiutare i propri cittadini e non per comprare missili, ne` ha mai invitato l`Iran a smettere di vendere missili ad Hamas. LO stesso fara` l`Onu, fortunanatamente gli Usa hanno preso la giusta posizione, chiedendo ad Israele di evitare di colpire obbiettivi civili e nel contempo chiedendo ad Hamas di terminare il lancio di missili, unica causa di questa reazione.
Fondamentalmente solo i palestinesi potranno risolvere questa questione quando riconosceranno il diritto ad Israele a vivere libero e in pace accettandone l`esistenza e quando si libereranno dei movimenti terroristi che li rappresentano.

Neoconservatore


sfoglia     febbraio       
 

 rubriche

Politica Internazionale
Arte
Storia
Thinking of the day
Biografie
Politica interna e economia
Recensione film e libri
Sport
Presidenziali Usa
Miti da sfatare
Bioetica

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

L'individualismo come filosofia
calimero
esperimento
LiberaliperIsraele
libertaedovere
andrzej
Heritage foundation
Carlo Pannella
Giulia
Newsweek
Ayaan Hirsi Ali
L'angolo degli scrittori anglosassoni
countrygirl
Thomas Jefferson
Council on foreign relations
Voice of America
Casa Bianca
AEI: Hirsi Ali
Clem
Il think thank neoconservatore
cato institute
Magdi Allam
Auung san suu kyi
La foresta dei Giusti
Fondazione per la liberazione di Cuba
Sito per liberazione prigioniero politico a Cuba
muslimvssharia
ansa
La Cnn
La BBC
Foxnews
Sky tg24
Spicchiodiluna
il foglio
Il giornale neocon
sole24ore
corriere della sera
l'occidentale
von Mises institute
La tv di Hamas
hiddentruths
Juventus
Barcellona
Celtic
La storia su internet
pensieroliberale
Indigesto
Lostonato
Old Whig
Italiasvegliati
little moon
deborahfait
kritikon
gabbianourlante
barbarablog
ilsignoredeglianelli
a destra

Blog letto 300765 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom